Le supercazzole di Amici Miei

AMICI MIEI – ATTO I

Col Vigile Paolini:

M: Tarapia tapioco. Prematurata alla supercazzola o scherziamo!
V: Prego?
M: No, mi permetta. No, io; eh scusi noi siamo in quattro. Come se fosse antani anche per lei soltanto in due, oppure in quattro anche scribai con cofandina; come antifurto, per esempio.
V: Ma quale antifurto, mi faccia il piacere! Questi signori qui, stavano suonando loro. Non si intrometta!
M: No, aspetti, mi porga l’indice; ecco lo alzi così… guardi, guardi, guardi; lo vede il dito? Lo vede che stuzzica, che prematura anche. Ma allora io le potrei dire anche per il rispetto per l’autorità che anche soltanto le due cose come vicesindaco, capisce?
V: Vicesindaco? Basta così, mi seguano al commissariato!!!
P: No, no, no; attenzione! No, attenzione antani secondo l’articolo 12 abbia pazienza, sennò, posterdati, per due, anche un pochino antani in prefettura…
M: …senza contare che la supercazzola prematurata, ha ha perso i contatti col tarapia tapioco.
P: Dopo…


Col Sassaroli nella sua clinica:

S: E lei, cosa si sente?
M: Eeeh, professore… non le dico, antani, come trazione per due anche se fosse supercazzola bitumata, ha lo scappellamento a destra.

Con la suora dipendente nella clinica del Sassaroli:

M: Mi scusi dei tre telefoni qual è come se fosse tarapia tapioco che avverto la supercazzola?
Dei tre…!
Non m’ha capito bene, volevo dire dei tre telefoni qual è quello col prefisso?

S: Ah; quello lì!
M: Grazie.
Sorella, col tarapia tapioco come se fosse antani la barella anche per due con lo scappellamento a sinistra!?
No eh…?
Pazienza…

Col portiere dell’hotel della Titti:

P: Mi scusi; dica lei!
M: Eh, antani, come se fosse antani, anche per il direttore, la supercazzola con scappellamento.
P: Come?
M: a destra, per due.

Con il cappellano per l’estrema unzione:

C: Dimmi figliolo…
P: Sbiriguda veniale, la supercazzola prematurata…
C: Come figliolo?
P: Come fosse antani, con scappellamento a destra. Ostantinato a malliti.
C: Quante volte figliolo
P: Fifty fifty come fosse mea culpa, alla supercazzola…
C: io ti assolvo dai tuoi peccati nel nome del padre, del figliolo…


AMICI MIEI – ATTO II

Col Custode del cimitero:

C: No no no! No, guardi, no, un si può mia parcheggiare qui in camposanto, no un si pole.
M: Sbiliguda! Supercazzola prematurata?
C: Eh?
M: No, dico: prematurata la supercazzola?
C: Non capisco…
M: Con scappellamento a destra!
C: Ah, le cappelle? E le son là, guardi, a destra, ma qui un si può parcheggiare.
M: No, volevo dire: occhiello di privilegio come se fosse Antani per lei; ispettore Tombale.
C: Ispettore? Ma che dice !?
M: Ispettore!
C: Ispettore?
M: Con fuochi fatui…
C: E per quanto tempo sta qua?
M: Quintana; o setta!
C: Ah ah.
M: Intanto, trìnita confraternita pulitina.
C: Ah, una pulitina…


con Don Angelo Bernocchi:

A: Don Angelo Bernocchi. …. Il reverendo Bernocchi!
M: Ah, pardon. Tarapio tapioco come se fosse Antani, la supercazzola prematurata con dominus reveriscum blinda.
D: Come, prego?
M: Tarapio sulla supercazzola con scappellamento destro o sinistra ?
D: No, la cappella sinistra è a destra.
M: Antipodi!

Con Giovannone (il sottocuoco):

I: Giovannone!
C: Che c’è?
I: C’e uno che ti vuole. (il cuoco si avvicina minaccioso al Conte affilando un lungo coltello)
C: Che c’è!?!
M: Ehm, blinda la supercazzola con uno scappellamento a sinistra o a destra come se fosse di pentolone…
C: Non ho capito un cazzo!
M: Ecco! È l’informazione che volevo. Grazie.

Col vigile:

N: Buongiorno.
V: Buongiorno, ma non ha visto il cartello di divieto?
M: Mi scusi, Antani come se fosse di scappellamento tarapio tapioco scappellamento di forestieri?
V: Va be’, siete forestieri, ma i cartelli sono internazionali. Mi può mostrare la sua patente, per favore? (è qui che il sig. Necchi scopre, avendo in tasca la patente di un altro, che la moglie lo ha tradito).

Con Carmensita, la contorsionista:

C: Ma tu perché sei andato via, non hai telefonato, niente!
M: Carmensita, amore mio, sono un uomo d’affari, blinda la supercazzola prematurata, una cosa d’assegni, tarapia tapioca, tapioca, torapia, dollari, sterline, allaccia scarpa, scarpallaccia, dico d’albergo, ma tu?

AMICI MIEI – ATTO III

Con la direttrice dell’ospizio:

D: Per gli ospiti c’è un apposito telefono a gettone nell’atrio.
M: Sì, ma la sbiriguda della sbrindolona come se fosse Antani come facevo?
D: Prego?
M: Ho provato con la supercazzola con scappellamento paraplegico a sinistra, ma non funzionava, faceva tu-tu.
D: In che senso?
M: Nel senso anafestico. Eh, sì; come farà di capo d’altitudine, no?

In giardino con la signora…????:

S: Guardi, le ho ritagliato quell’articolo sul Casentino.
M: Ma lei se la blinda la supercazzola prematurata come se fosse anche un po’ di Casentino che perdura anche come cappotto; vede, m’importa sega.

tratto da ilcineforum.it


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...