Certificazione ISO9001 no, anzi si.

In un post di poco tempo fa disquisivo se mantenere o meno la certificazione ISO9001:2000 con tutta la mole di lavoro che comporta ed avevo raggiunto la quasi convinzione di cessarla.

Su questa linea era anche il mio socio.

Ho anche parlato con chi in azienda ha fin dall’inizio condiviso la scelta di una metodologia strutturata per il controllo della qualità, e la loro valutazione mi ha lasciato in parte sorpreso nel senso che loro hanno ravvisato in questi anni una utilità di fondo di un metodo che gestisca non tanto la parte produzione (si parla di sviluppo software) quanto i processi e di conseguenza la comunicazione in azienda.

Detto fatto abbiamo fissato l’incontro con il valutatore per gli inizi del prossimo giugno.

Fra l’altro dallo scorso novembre è entrata in vigore la versione ISO9001:2008 della norma che non stravolge la precedente, ma la adatta alle esigenze delle PMI rendendola più flessibile.

E siccome l’appetito vien mangiando ci stiamo informando anche per ottenere (non contestualmente) anche la certificazione ISO27001 per la Gestione e Sicurezza dei Dati.

Certificazione ISO9001. E' utile o no?

3 anni fa la nostra azienda ha ottenuto la certificazione di qualità ISO9001-VISIO2000, mantenendola fino ad oggi.

L’ idea che sottoindende alla norma, cioè quella di introdurre un percorso di qualità nella gestione dei processi aziendali è senz’altro interessante.

Ma dopo – per l’appunto – alcuni anni di esperienza sono venuti a a galla alcuni elementi che, almeno per la realtà nella quale è inserita la nostra società, cioè quella del terziario innovativo, l’applicazione ed il mantenimento – in pratica l’essere sempre aderenti a quello che descrive la norma ISO – si stà rivelando sempre più un “peso”  piuttosto che un aiuto nella gestione dei processi aziendali.

Le aziende in generale, ma soprattutto quelle come la nostra, si trovano in una situazione di “costante cambiamento tecnologico” e quindi a dover porre la massima attenzione alla redditività complessiva dell’azienda stessa, passando da un puntuale controllo sui singoli progetti  e su tutte le attività che contraddistinguono la vita di una società.

Sbagliare la scelta di un software per lo sviluppo di un’applicazione o non effettuare un “Controllo di Gestione” rapido e certo nei risultati,  può essere fatale sempre, ma in special modo in tempi di crisi.

Questo “costante cambiamento tecnologico” e la necessità di un puntuale “Controllo di Gestione” rendono le aziende estremamente dinamiche, quotidianamente dinamiche, il che significa sempre più riunioni informali – delle quali è impraticabile verbalizzarne il contenuto -, introduzione di nuovi strumenti per la condivisione delle informazioni che hanno assunto forme multimediali e molto altro.

Tutto questo non significa confusione,  ma adeguarsi ad una realtà in continuo e forte cambiamento e per seguire in modo corretto e produttivo questo cambiamento è necessario che tutto questo percorso sia condiviso e costruito con la collaborazione di tutte le persone che lavorano in azienda.

Per concludere l’impressione, che ormai ha raggiunto lo stato di  certezza, è che da quest’anno rinunceremo alla certificazione ISO9001.

iso9001

Sempre sulla certificazione ISO9001

Il giorno dopo abbiamo ricevuto dai nostri consulenti questa e-mail:

——————————————————————————————————————–

Ciao Claudio,
successivamente alla verifica da parte del Cisq Cert, il dott. ……. ha elogiato molto la vostra organizzazione ed in particolare la competenza e professionalità di tutto il personale.

 Ti faccio dunque preghiera di estendere le sue congratulazioni e naturalmente le nostre, a tutti.

 Grazie per l’attenzione,

 ………

——————————————————————————————————————–

Che dire? I complimenti fanno sempre molto molto piacere…

Certificazione ISO9001

Dopo mesi di preparazione abbiamo avuto la visita da parte del certificatore per ottenere la certificazione di Qualità ISO9001.

Nelle mie aspettative non credevo si trattasse di una pura formalità ma quasi, in realtà è stata una "cosa seria". Per tutto il tempo che il certificatore si è trattenuto in azienda è stata una fila di domande, di controllo della documentazione, di audit alle singole persone per verificare che effettivamente i processi descritti nella documentazione presentata corrispondessero e fossere realmente eseguiti.

Per la verità non ce l’avremmo mai fatta senza l’aiuto della società di consulenza che ci ha assistito SAP srl mediante il personale della divisione e marchio Formazione Viva che si occupa per l’appunto di Formazione, Selezione del Personale e Certificazioni di Qualità.

Un ringraziamento va anche a tutti  i ragazzi di Vivido.